vai al contenuto. vai al menu principale.

Il comune di Salassa appartiene a: Regione Piemonte - Città metropolitana di Torino

Storia

L'origine del toponimo è da ricercarsi nel termine longobardo "Sala", 'abitazione del signore', e quindi 'luogo in cui si raccolgono le derrate' con suffisso aggettivale -ACEUS al femminile. Non documentata la tradizione locale che suggerisce un legame con la popolazione dei salassi, la quale avrebbe occupato anticamente questi luoghi, dedicandosi all'estrazione dell'oro dai fondali del torrente. Incerta è la sua origine: c'è chi, considerando infondata la tesi della fondazione dell'insediamento da parte dei salassi, ritiene che si sia formata in epoca romana; chi, invece parla di un'origine longobarda, divenendo nell'alto Medioevo uno dei centri politici ed economici più rilevanti della zona; chi, infine, ipotizza che la nascita dell'insediamento sia da collegare alla scomparsa dell'antico villaggio di Canava, distrutto nel 1030 da una piena dell'Orco. Teatro della cosiddetta guerra del Canavese tra i Valperga e i San Martino, venne occupata e devastata per ben due volte nel corso del XIV secolo. Subì, inoltre, le conseguenze della rivolta del tuchinaggio, che interessò l'area canavesana. Sono tante le vestigia del passato che si sono conservate fino a noi, salvatesi dai conflitti e dalle distruzioni che, nel corso dei secoli, hanno messo a dura prova la sopravvivenza della comunità. Dell'antico ricetto, risalente al XIII secolo permangono significative testimonianze: l'assetto viario, frammenti della cinta muraria, portali e archi in pietra. Di grande interesse è la torre-porta, uno dei più conosciuti monumenti fortificati canavesani. Dal punto di vista artistico e architettonico, merita di essere citata la seicentesca parrocchiale di San Giovanni Battista, con la facciata in stile barocco.

Tratto da: http://www.italiapedia.it/comune-di-salassa_Storia-001-231